I bani jarni cu’ li pot’avra
er’i mali cu’ li po’ raghra.
Le giornate serene a chi le pu avere e quelle tristi a chi le pu sopportare.

 

I carvuni vagnti
ar’u sula unu ava u s’i lampra.
I carboni bagnati, bisogna stenderli al sole.

 

I cicci si mbrgunu e i varddri si sdganu.
Gli asini litigano e i barili si sfasciano.
(Tra le risse altrui c’ sempre il malcapitato, che ci va sotto senza colpa alcuna.)

 

I conjji su’ camu i parzica: ja tanti, domna nenta.
I conigli son come le pesche: oggi ne hai tanti, domani nessuno.